SandonatoInsieme/ Una città e un motto, in una parola sola. Un segno anche grafico per dire quello che è il punto qualificante di questa sfida: unire le forze per il bene della città.

La scommessa è grande e per questo il centrosinistra ha deciso di dire a una nuova coalizione ampia, che alle prossime elezioni amministrative raggruppi quanti, in città, condividono un’idea di politica nel segno del servizio e dell’impegno solidale per il bene comune, insieme a una visione di futuro che vada oltre il qui e ora per guardare alla San Donato di domani.

Le persone e le forze, politiche e civiche, che sostengono la mia candidatura hanno risposto a questa sfida di lavorare insieme: ciascuno con le proprie specificità e sensibilità, superando anche steccati e divisioni che negli anni ci hanno visto su fronti diversi, ma pur sempre impegnati a cercare di fare il bene di San Donato; saldi nei valori e con una idea chiara della città che desideriamo, una città dove lo sviluppo economico si intreccia con la solidarietà sociale, dove la sostenibilità ambientale costituirà la base di ogni ragionamento in modo trasversale.

Puntiamo a raccogliere le migliori energie e competenze che la città ed il territorio sanno esprimere in ambito economico, sociale, professionale e culturale e tutto questo – unitamente a quanto realizzato negli ultimi dieci anni, pur con i momenti bui della pandemia a rendere tutto più difficile – lo portiamo al giudizio insindacabile degli elettori. Questa è l’ambizione.

Un nuovo progetto che parte da quanto è stato fatto nei dieci anni dell’Amministrazione Checchi e da quanto resta ancora da fare. Perché SÌ, diversi sono i risultati raggiunti dal 2012 a oggi, ma altrettanti e non meno importanti le sfide che ancora ci aspettano, le cose da migliorare e i progetti cui manca solo qualche passo per andare in porto, gli interventi di integrazione e potenziamento di quanto fatto, tenendo conto di una città che nel frattempo, anche a causa della pandemia, è cambiata.

“Il mio stile sarà inclusivo, non solo a parole ma nei fatti – spiega Gianfranco Ginelli – perché questa è la necessità che esprime la nostra comunità: crescere in armonia e coesione.” 

SandonatoInsieme è un nuovo progetto che può contare su tante “anime” ma inserite dentro un solo corpo: la tradizione socialdemocratica, l’anima ambientalista, quella più pragmatica di impianto squisitamente civico con tratti e sensibilità differenti. Oltre al Partito Democratico, a Italia Viva e a La Civica, lista che raccoglie l’eredità ormai decennale di “Noi per la città”, si propongono nella nuova coalizione gli ambientalisti di Europa Verde, i simboli nazionali di Sinistra Italiana, Azione e la lista civica Insieme per San Donato, che ha accolto l’apertura e scelto di aderire al progetto, cogliendone la novità e la possibilità di mettere a frutto in modo costruttivo e condiviso gli anni di esperienza maturati all’opposizione.

SandonatoInsieme è un percorso aperto, inclusivo e partecipativo: nelle prossime settimane ascolteremo e ci confronteremo con la città, organizzando dei tavoli aperti al contributo di tutti. La svolta ambientale, quella sociale e la diffusione delle opportunità soprattutto per i giovani, saranno messe al centro del nostro confronto.

SandonatoInsieme è la nostra idea di città e di comunità. Unire le forze per vincere le sfide. Partecipazione, innovazione e coinvolgimento delle energie migliori, per costruire insieme il nostro futuro.